Il Garante Privacy ha pubblicato il form on line per la comunicazione del RPD

L’Autorità Garante per la protezione dei dati personali ha reso disponibile il form on line per la comunicazione dei dati di contatto del Responsabile della Protezione Dati (RPD)

Dal sito del Garante Privacy si accede alla pagina dedicata alla comunicazione dei dati del Responsabile della Protezione Dati.

Il form on line, disponibile a questo indirizzo, richiede una serie di informazioni sui soggetti coinvolti:

– I dati del soggetto che effettua la comunicazione per conto del Titolare/Responsabile del trattamento (cognome, nome, e-mail, esplicitazione se si tratti di rappresentante legale o di un suo delegato):

– I dati del Titolare/Responsabile del trattamento (denominazione, codice fiscale/ partita IVA, stato, indirizzo, città, CAP, provincia, telefono, e-mail, PEC). Se il soggetto è una Pubblica Amministrazione, deve indicare “Censito nell’Indice dei domicili digitali delle pubbliche amministrazioni e dei gestori di pubblici servizi”:

– Qualora il RPD sia un soggetto interno, vanno indicate le sue informazioni di contatto (cognome, nome, un numero di telefono fisso, un numero di cellulare, e-mail, PEC):

– Qualora il RPD sia un soggetto esterno, vanno indicati i dati di contatto. Qualora sia una persona giuridica vanno indicate sia le informazioni di contatto dell’azienda che del soggetto indicato quale referente per il Titolare/Responsabile:

– le modalità con cui verranno resi pubblici i dati di contatto del RPD:

Una volta completato l’inserimento, il Garante invierà all’indirizzo di e-mail del soggetto che ha effettuato la comunicazione un file che dovrà essere firmato digitalmente (N.B. firma CAdES, per cui il file dovrà avere estensione p7m).

Il titolare ha 48 ore di tempo per firmare digitalmente il file e reinviarlo al Garante Privacy, il quale verificherà la corrispondenza dei dati caricati sul form con quelli presenti nel file firmato digitalmente. In caso di riscontro positivo:

  • il soggetto che effettua la comunicazione riceverà, mediante comunicazione inviata all’indirizzo e-mail indicato nella sezione A del modulo, l’indicazione del numero di protocollo utilizzato per la registrazione dei dati comunicati;
  • il soggetto Titolare/Responsabile riceverà, mediante comunicazione inviata all’indirizzo PEC indicato nella sezione B (o all’altro riferimento e-mail, qualora trattasi di soggetto privo di PEC), un documento informatico contenente le informazioni inserite all’atto della compilazione del modulo e l’indicazione del numero di protocollo utilizzato per la registrazione dei dati comunicati;
  • il soggetto designato quale RPD riceverà, mediante comunicazione inviata all’indirizzo PEC indicato al punto 5 della sezione C, un documento informatico contenente le informazioni inserite all’atto della compilazione del modulo e l’indicazione del numero di protocollo utilizzato per la registrazione dei dati comunicati.

A questo indirizzo è possibile scaricare le istruzioni del Garante Privcy per la compilazione del modulo, mentre qui è possibile scaricare una breve presentazione sul tema.
_______________________________________________

SI.net affianca soggetti pubblici e privati con un servizio a tutto campo sulla protezione dei dati personali, che spazia dagli elementi tecnologici ai contesti normativi, con grande attenzione alle implicazioni organizzative che una tematica così rilevante comporta.

Visita la pagina del nostro sito dedicata alla Protezione dei dati e sicurezza informatica e contattaci, senza impegno, per ogni tua esigenza in merito: scrivi a comunicazione@sinetinformatica.it o telefona allo 0331.576848.

Per ricevere aggiornamenti sulle tematiche relative all’innovazione e all’ICT iscriviti alla nostra newsletter.

Segui SI.net anche su Twitter, Facebook, YouTube e LinkedIn

Fonte dell’articolo: Comunicato pubblicato sul sito del Garante per la protezione dei dati personali

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Eventi e Scadenze

SCADENZA PA: UFF. PROTOCOLLO - termine preparazione piano di fascicolazione per l'anno successivo 30 novembre 2018
SCADENZA PA: UFF. PROTOCOLLO - redazione elenco dei fascicoli da trasferire nell'archivio di deposito 10 gennaio 2019
SCADENZA PA: UFF. PROTOCOLLO - riversamento registrazioni Protocollo Informatico 28 febbraio 2019
SCADENZA PA: Obiettivi di accessibilità 31 marzo 2019
SCADENZA PA: UFF. PROTOCOLLO - termine preparazione piano di fascicolazione per l'anno successivo 30 novembre 2019
SCADENZA PA: UFF. PROTOCOLLO - redazione elenco dei fascicoli da trasferire nell'archivio di deposito 10 gennaio 2020
SCADENZA PA: UFF. PROTOCOLLO - riversamento registrazioni Protocollo Informatico 28 febbraio 2020

Tweet recenti