Pubblicate le nuove regole tecniche sulle firme elettroniche

Le regole tecniche estendono il ricorso alla firma digitale o alla firma elettronica avanzata nella redazione di qualsiasi tipologia di documento, attraverso un incremento delle tipologie di firme elettroniche utilizzabili e assicurando una sostanziale e piena equiparazione con il documento cartaceo.

Queste le firme identificate dal CAD:
1.    Firma elettronica: è costituita da un metodo di identificazione informatica realizzato attraverso l’insieme di dati in forma elettronica, allegati o connessi tramite associazione logica ad altri dati elettronici, ad esempio quando digitiamo il codice Pin allo sportello bancomat oppure accediamo alla nostra casella di posta elettronica attraverso identificativo utente e password.
2.    Firma elettronica avanzata: consente non solo l’identificazione del firmatario del documento, ma garantisce anche la connessione univoca del documento stesso al firmatario, in quanto creato con mezzi sui quali tale soggetto conserva un controllo esclusivo.
3.    Firma qualificata: si basa su un certificato qualificato ed è realizzata mediante un dispositivo sicuro per la creazione della firma.
4.    Firma digitale: si basa su un sistema di due chiavi crittografiche, una pubblica e l’altra privata. Le nuove regole tecniche ne individuano proprio caratteristiche generali, modalità di generazione e di conservazione e connessi requisiti di sicurezza.

Nell’ambito della firma elettronica avanzata, vengono stabilite anche le regole tecniche per la firma grafometrica, apposta su un tablet, che consente la sottoscrizione in digitale anche a un pubblico non tecnologico perché riproduce esattamente il processo tradizionale.

Consulta il testo del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 22 febbraio 2013, contenente “Regole tecniche in materia di generazione, apposizione e verifica delle firme elettroniche avanzate, qualificate e digitali, ai sensi degli articoli 20, comma 3, 24, comma 4, 28, comma 3, 32, comma 3, lettera b), 35, comma 2, 36, comma 2, e 71” del codice dell’amministrazione digitale, pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 117 del 21 maggio 2013

________________________________________________________

Per ricevere aggiornamenti sulle tematiche relative all’innovazione e all’ICT nella PA e nelle Aziende iscriviti alla nostra newsletter.

Per informazioni sui servizi offerti da SI.net per accompagnarti nelle continue sfide legate all’innovazione tecnologica, scrivi a comunicazione@sinetinformatica.it o telefona allo 0331.576848.

Segui SI.net anche su Twitter e su Facebook

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Eventi e Scadenze

SCADENZA PA: UFF. PROTOCOLLO - termine preparazione piano di fascicolazione per l'anno successivo 30 novembre 2018
SCADENZA PA: UFF. PROTOCOLLO - redazione elenco dei fascicoli da trasferire nell'archivio di deposito 10 gennaio 2019
SCADENZA PA: UFF. PROTOCOLLO - riversamento registrazioni Protocollo Informatico 28 febbraio 2019
SCADENZA PA: Obiettivi di accessibilità 31 marzo 2019
SCADENZA PA: UFF. PROTOCOLLO - termine preparazione piano di fascicolazione per l'anno successivo 30 novembre 2019
SCADENZA PA: UFF. PROTOCOLLO - redazione elenco dei fascicoli da trasferire nell'archivio di deposito 10 gennaio 2020
SCADENZA PA: UFF. PROTOCOLLO - riversamento registrazioni Protocollo Informatico 28 febbraio 2020

Tweet recenti