Dematerializzazione: cosa cambia per la PA con lo spostamento della scadenza del 12 agosto?

tempo Con la sospensione dell’efficacia del DPCM 13/11/2014 e della relativa scadenza dello scorso 12 agosto, alle PA è stato consegnato di fatto un periodo di tempo extra per la realizzazione di quanto previsto. La proroga infatti non rappresenta un annullamento del disegno complessivo che lo stesso CAD individua, ma sposta semplicemente la scadenza per esigenze normative.

In ultima istanza infatti, con l’entrata in vigore del nuovo regolamento eIDAS e come richiesto espressamente dal parere n. 17 del Consiglio di Stato[1], le regole tecniche sul documento informatico dovranno essere aggiornate ed adeguate a quanto previsto dall’Unione Europea, così come già fatto nella seduta 125 del 10 agosto dal Consiglio dei Ministri per quanto riguarda il CAD.

Il testo del DPCM 13 novembre, oltre alla scadenza (art. 40, comma 1 “Le pubbliche amministrazioni formano gli originali dei propri documenti con mezzi informatici secondo le disposizioni di cui al presente codice e le regole tecniche di cui all’articolo 71”), conteneva le caratteristiche fondamentali per considerare legale il documento informatico redatto dalle PA (o da consegnare alle PA). Inoltre non va dimenticato che l’obbligo di dematerializzare la documentazione gestita è già presente nel CAD dal 2005.

Il percorso normativo ora impone di attendere la pubblicazione del D.Lgs. di modifica, l’emanazione del nuovo Codice dell’Amministrazione Digitale e l’ufficializzazione della prossima scadenza (ad oggi sono solo indiscrezioni non confermate quelle che fissano tale scadenza per dicembre 2016). Aggiornamento del 13 settembre 2016: Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto di modifica del CAD

Possiamo però ragionare su quelle che sono certezze normative in merito a questa tematica per capire quali sono gli adempimenti a cui la PA dovrà dare seguito. Le modifiche al CAD sono innanzitutto relative ad un cambiamento delle modalità di comunicazione e di rapporto tra cittadini e PA. In particolare, da oggi occorre adeguare i propri sistemi di gestione documentale al fine di garantire le seguenti necessità:

  • L’avvio dell’identità digitale (SPID) e del domicilio digitale per il cittadino rendono obbligatori gli adempimenti relativi ai procedimenti ad istanza di parte informatizzati. La PA deve dunque progettare e realizzare canali di comunicazione e di presentazione di istanze che siano improntati su tali strumenti;
  • La documentazione informatica ad oggi obbligatoria (contratti, fatture elettroniche, documenti risultati da procedimenti informatizzati ecc..) deve essere gestita e conservata secondo le specifiche di altri due DPCM (del 3/12/2013) la cui efficacia non è invece stata sospesa.
  • Il dlgs 97/2016 (in modifica al 33/2013) pone le nuove basi dell’accesso civico per il cittadino. La PA deve ripensare le modalità attraverso cui garantire l’accesso ai cittadini proprio tramite modalità telematiche (Art. 6 Modifiche all’articolo 5 del decreto legislativo n. 33 del 2013 – del nuovo decreto attuativo della legge 125/2015 – L’istanza può essere trasmessa per via telematica secondo le modalità previste dal decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, e successive modificazioni – codice dell’amministrazione digitale, ndr –. Il rilascio di dati o documenti in formato elettronico o cartaceo è subordinato soltanto al rimborso del costo sostenuto dall’amministrazione).
  • L’accesso civico deve essere pensato e strutturato garantendo la tutela della privacy come richiesto dal nuovo regolamento europeo. Dovranno dunque essere applicate tutte le misure di sicurezza necessarie al fine di trattare i dati nel modo corretto.
  • Ricordiamo inoltre che non è in questione la dematerializzazione totale ed anzi essa rimane un obbligo per la PA che dovrà garantire, per tutta la documentazione originale prodotta, l’utilizzo del solo supporto informatico.

La centralità di queste tematiche necessita di uno sviluppo maggiore che sarà oggetto dei prossimi Seminari gratuiti rivolti alle PA organizzati da SI.net:

  • lunedì 19 settembre a Salerno
  • giovedì 22 settembre a Milano
  • lunedì 3 ottobre a Chieti
  • martedì 4  ottobre a Roma

Per maggiori informazioni la invitiamo a leggere l‘articolo di approfondimento sul nostro sito.

Per le iscrizioni è possibile compilare l’apposito modulo online, selezionando la sede di interesse.

[1] Al fine di garantire l’aggiornamento delle regole tecniche in materia di formazione, trasmissione, copia, duplicazione, riproduzione e validazione temporale dei documenti informatici, si disponga la sospensione dell’efficacia del Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 13 novembre 2014 per un tempo congruo all’emanazione di nuove regole tecniche pienamente conformi alle disposizioni del Codice.

 

_______________________________________________________

Per informazioni sui servizi offerti da SI.net per accompagnarti nelle continue sfide legate all’innovazione tecnologica, scrivi a comunicazione@sinetinformatica.it o telefona allo 0331.576848.

Per ricevere aggiornamenti sulle tematiche relative all’innovazione e all’ICT iscriviti alla nostra newsletter.

Segui SI.net anche su Twitter e su Facebook.

 

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

2 commenti

  1. 8 settembre 2016    

    Al momento, 8 settembre, non si hanno ancora notizie sulla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

  2. Marco's Gravatar Marco
    4 settembre 2016    

    Grazie per la preziosa informazione. Oggi però è il 4 settembre e sono ormai passati 23 gg dall’entrata in vogore dell’art. 40 CAD. Si hanno notizie sul passaggio in GU del decreto di proroga del CdM del 10 agosto ? Marco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Eventi e Scadenze

EVENTO: Seminario gratuito a Pietra Ligure su CAD e dematerializzazione nella PA 28 settembre 2017
SCADENZA PA: UFF. PROTOCOLLO - termine preparazione piano di fascicolazione per l'anno successivo 30 novembre 2017
SCADENZA PA: adesione delle PA al circuito SPID 31 dicembre 2017
SCADENZA PA - Redazione attestazione misure di sicurezza adottate 31 dicembre 2017
SCADENZA PA: UFF. PROTOCOLLO - redazione elenco dei fascicoli da trasferire nell'archivio di deposito 10 gennaio 2018
SCADENZA PA: UFF. PROTOCOLLO - riversamento registrazioni Protocollo Informatico 28 febbraio 2018
SCADENZA PA: Obiettivi di accessibilità 31 marzo 2018

Tweet recenti